bellavite rosato o bianco e cavatelli con funghi cardoncelli

Cavatelli con funghi cardoncelli e BellaVite… bianco o rosato?

A volte è dura decidere, e in questo caso il dilemma è davvero arduo: BellaVite Bianco o Rosato, per accompagnare i cavatelli con funghi cardoncelli?

Se BellaVite Bianco sta bene con il pesce, e BellaVite Rosso accompagna splendidamente la carne, i funghi, con cosa li accompagnamo? La risposta più scontata sarebbe: BellaVite Rosato, magari anche dettata dal criterio di esclusione. Però questa scelta amletica, potrebbe anche dipendere dagli altri ingredienti che faranno da contorno a questo piatto, vediamoli insieme, e poi decidiamo.

Innanzitutto i famosi funghi cardoncelli, una varietà prelibata, molto diffusa nelle Murge, ma disponibile in tutta la Puglia e in altre regioni del centro sud, e isole in questo periodo dell’anno. Profumato, saporito e carnoso, si presta perfettamente alla ricetta che andiamo ad illustrare.

Nel dubbio sul vino da scegliere, mettete un brick di BellaVite Bianco in frigo, servirà per la sfumatura dei funghi in padella. Poi accostategli un bel Rosato, nel caso la vostra scelta ricadrà su questa varietà, ve lo ritroverete bello fresco. Adesso vediamo gli ingredienti per cinque persone:

  • 500 g di cavatelli;
  • 400 g di funghi cardoncelli;
  • 200 g di pecorino romano;
  • 10 pomodorini ciliegini;
  • 1 bicchiere di BellVite Bianco;
  • prezzemolo;
  • aglio;
  • olio.

Innanzitutto occupatevi dei funghi: lavateli accuratamente, puliteli con un pennellino e mondateli. Nel frattempo, che lavate anche i pomodorini ciliegini, mettete una padella grande sul fuoco con olio e aglio e attendete un paio di minuti a fuoco moderato. Aggiungete i funghi e attendete altri due minuti in modo che inizino a perdere acqua, poi sfumate con il bicchiere di BellaVite bianco. Lasciate cuocere pochi istanti ancora e aggiungete i pomodorini tagliati, almeno, in due parti.

Siete capaci a far saltare i funghi? Allora forza, non indugiate: mano alla padella e funghi in aria finché il soffritto non sarà perfettamente amalgamato.

Nel frattempo avrete messo l’acqua a bollire per cuocere i cavatelli.
Per chi non li conoscesse, i cavatelli sono un tipo di pasta fresca tipicamente pugliese, la cosiddetta “pasta fatta in casa” dalla nonna. Quindi se non sai come si fanno i cavatelli non puoi andare avanti con la ricetta. Ahahah Scherzo! Per fortuna, oggi li trovi disponibili anche nel banco frigo dei supermercati italiani come il nostro BellaVite.

Ma torniamo alla nostra ricetta. Intanto che l’acqua bolle e portate i cavatelli a cottura, attenzione a non farli cuocere troppo, scolateli qualche minuto prima di ultimare la cottura conservando un pò di acqua, perché dovrete aggiungerli al soffritto e saltarlo un altro pò.
Non sapete far saltare la padella? No problem: usate un mestolo di legno e amalgamate il tutto.

Se notate che i vostri cavatelli si stanno asciugando troppo, aggiungete un pò di acqua della pasta. Ora il pecorino: aggiungetelo a pioggia e continuate a saltare o rimestare.
A crudo qualche foglia di prezzemolo e poi servite!

Un momento! Avete scelto il vino?
BellaVite Bianco o Rosato?
Non mi dite che alla fine avete aperto un brick di BellaVite Rosso!
Comunque sia: Buon appetito con BellaVite e i cavatelli con funghi cardoncelli.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on Pinterest

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>